Homepage
Storia Slowly
A.I. Diagiamini
A.I. Diagiamini | 🇨🇱 Cile
"No sabes lo que tienes hasta que lo pierdes".

Originally written in English. Translated by Miryam.

O, in un inglese semplice, “non sai cosa hai finché non lo perdi”. La maggior parte delle volte applichiamo questo proverbio a cose, risorse, persino qualità che davamo per scontate, non rendendoci conto di aver giocato troppo le carte in mano finché non è troppo tardi per tornare indietro. Estendere un’espressione del genere alle persone, tuttavia, è una storia completamente diversa, che non avrei mai pensato di dover raccontare.

In realtà mi tormentava se anche solo scrivere queste righe fosse una buona idea. Una metà di me, desiderosa di ritirarsi e addolorarsi per una perdita così enorme, inizialmente era contraria. L’altra, rendendosi conto che affrontare la tua tristezza interiore porta rassegnazione e alla fine una nuova possibilità di felicità, ha deciso di andare avanti e tirarmi via la pallottola dal petto per fermare l’emorragia.

Il suo nome utente era Pita28 e probabilmente era la crema del raccolto quando si trattava di utenti di Slowly. Divertente, articolata, empatica, trovava sempre il tempo per leggere le mie divagazioni e non impazzire. Ho ricevuto la sua prima lettera il 9 novembre 2019, quando mi ha detto che era una nuova arrivata in questo ecosistema qui. Non appena ho visto che era d’accordo con il mio disgusto per gli utenti che ti mandano una breve lettera e poi svaniscono, ho capito che stava per iniziare qualcosa di speciale. La mia prima risposta a lei è stata un’introduzione ordinaria con un riferimento di Paul Watzlawick cotto per buona misura – il suo primo assioma: “non si può non comunicare”. Siamo partiti di corsa e abbiamo iniziato a scambiare lettere con una coerenza sorprendente:una media di 13 al mese attraverso il cambio di decennio e fino a febbraio, nonostante abbia dovuto aspettare più di un giorno prima che i nostri messaggi si arrivassero (lei vive negli Stati Uniti mentre io risiedo in Cile).

E abbiamo comunicato di averlo fatto, onorando la premessa di Watzlawick. Le nostre lettere erano inizialmente in spagnolo, ma in seguito siamo passati all’inglese. È stata la prima – e unica – utilizzatrice di Slowly a cui ho rivelato il mio vero nome e ha promesso di mantenerlo segreto. Abbiamo condiviso le nostre migliori foto, scambiato francobolli individuali e di set, ricette… Abbiamo trovato un terreno comune come persone da compagnia anche se lei amava i cani e io preferivo i gatti. Scuotemmo la testa increduli per le lunghezze che alcune persone vorrebbero per un sorso di alcol, così come per la totale follia di alcuni imbrogli della Coca-Cola. Abbiamo spietatamente preso in giro gli influencer e le celebrità di Internet, inclusi i loro fan simili a un culto che fanno sembrare Jim Jones e i suoi accoliti persone ragionevoli e razionali in confronto. Abbiamo condiviso le speranze di futuri viaggi all’estero, incluso uno in cui ci saremmo incontrati di persona, uno che non vedevo l’ora.Abbiamo riso del ritardo mentale che è la cosiddetta “cultura dell’annullamento”, risparmiando i nostri colpi più potenti per quei fiocchi di neve perennemente offesi che vengono innescati da qualsiasi cosa, così spaventati dalle loro stesse ombre che si rifiutano di affrontare la verità di ciò che il il mondo lo è davvero. Abbiamo apprezzato l’essere persone fondate su solidi principi e la nostra disponibilità a difenderli. Abbiamo amato le nostre famiglie con tutte le loro stranezze. Abbiamo visto come il ceppo di coronavirus di Wuhan, alias Covid-19, si è diffuso in tutto il mondo, desiderando che l’altro rimanesse lontano dall’infezione. Ma la sorpresa più grande è arrivata quando le ho parlato di “Alguien Como Tú”, il mio romanzo d’esordio. Non solo l’ha comprato, l’ha letto da cima a fondo e l’ha adorato! Diamine, mi ha persino lasciato una recensione a cinque stelle sul rivenditore da cui l’ha acquistata!Già solo questo è stato il più grande aumento di umore che ho avuto negli ultimi due decenni e mi riempie di ottimismo quando inizio a gettare i primi semi del mio secondo libro.

Non ho mai inviato così tante lettere a nessun altro amico di penna, perché era la crema del raccolto in un campo affollato di esseri umani selezionati e preziosi. Se stai tenendo il punteggio a casa, è 52 su un arco di quattro mesi o uno ogni circa 40 ore se i miei calcoli sono nel segno per un periodo di 93 giorni. Le sue missive mi hanno aiutato a costruire un’oasi di calma e ragione in un mondo che diventa sempre più intollerante di giorno in giorno, qualcosa per cui sarò sempre grato. Non posso fare a meno di sentire che sono in debito con Pita, e dal momento che non sono il tipo di persona che prende a calci i debiti o promette lungo la strada, dovrò prendere il lungo percorso tortuoso per ringraziarla adeguatamente per il benedizione era per la mia esistenza sempre tesa.

Il 27 febbraio, quando il Cile stava osservando il decimo anniversario del devastante terremoto – 8.8 Richter, IX Mercalli – che ha raso al suolo una parte significativa del paese, ucciso 525 persone e causato danni per oltre 30 miliardi di dollari, ho aperto l’app e quasi ho perso l’equilibrio ma non a causa di un tremore commemorativo. Ho notato che la sua icona aveva un bordo grigio; aveva disattivato il suo account, il che significa che non potevo più inviare le sue lettere. Il nostro ultimo contatto era stato 18 giorni fa – la mia risposta alla sua ultima missiva. La mia mente entrò in triplice eccitazione pensando a cosa l’avrebbe spinta a prendere una misura così drastica … senza alcuna spiegazione tangibile fino ad oggi. Forse non saprò mai le sue ragioni per lasciare il mondo di Slowly, ma quando la mia iniziale incredulità si è placata, so che porterò i bei momenti che abbiamo condiviso nella mia tomba. Un fatto non può essere neutralizzato da nessuna carta, però: la sua assenza ha lasciato un enorme vuoto nella mia psiche, uno che sarà quasi impossibile da riempire salvo un grande miracolo.

Ovunque tu sia ora, cara Pita, assicurati che ti ricorderò sempre come il miglior amico di penna di tutti. Viaggi sicuri, amico mio, e possa la tua vita essere piena di nient’altro che successo e felicità d’ora in poi.

Tu amigo chileno,
AI Diagiamini

 Racconta la tua storia

SLOWLY

Inizia a connetterti col mondo su SLOWLY!